Come sbloccare lo Smartphone se indossiamo guanti e mascherina

Le regole sono regole. Per questo, quando si tratta di entrare in un luogo pubblico o siamo a bordo d’un trasporto, bisogna sempre indossare la propria mascherina. A volte sia per necessità, sia per abitudine, preferiamo usare i guanti. Questi tendono, infatti, ad essere un’altra eccezionale protezione con quello che si sta combattendo negli ultimi tempi. Ma a volte, il discorso riguarda anche col proteggersi dal freddo, niente di drammatico. E nel mezzo di tutto questo, vi è il nostro Smartphone: un compare che, di riffa o di raffa, abbiamo deciso di proteggere con un blocco schermo appropriato. Per questo quando tentiamo di sbloccarlo con indosso la mascherina o i guanti, è sempre uno scopo piuttosto difficile.

Vediamo dunque cosa si può fare per poter sbloccare il nostro Smartphone, senza rimuovere la mascherina ed i guanti.

Usate lo scanner per l’Iride

Se avete in vostro possesso un Samsung Galaxy S8 /S9 o Note 8 / Note 9, probabilmente troverete a disposizione la scansione dell’iride. In parole povere è la scansione dell’occhio, con il quale vi sarà possibile sbloccare il cellulare senza impronte o scansione del volto. Tutto quello che bisogna fare infatti, è usare il proprio sguardo. E’ possibile trovare quest’opzione nelle impostazioni e quindi sotto le funzioni che riguardano la sicurezza.

Usate un dispositivo Bluetooth per lo sblocco sicuro

Ecco invece una soluzione più universale. Quando un dispositivo Bluetooth registrato come “sicuro” è vicino, lo Smartphone automaticamente si sblocca. Questo può essere assegnato a qualsiasi prodotto compatibile, ma è ovviamente dedicato soprattutto agli Smartwatch (visto che appunto questi dispositivi sono spesso al nostro polso). E’ possibile trovare questa opzione nelle impostazioni, in tutto ciò che è relativo alla sicurezza dello Smartphone. La funzione è sotto le opzioni offerte dallo Smart Lock.

Ricordatevi inoltre che il dispositivo Bluetooth deve essere già registrato all’interno del cellulare, quindi associatelo innanzitutto allo smartphone. Va comunque detto che in certe Skins o versioni di Android, sarà comunque richiesto di inserire un codice PIN di tanto in tanto.

Usate un guanto sicuro, ma chiaro

Anche se questo è più consigliato per la situazione che riguarda la pandemia, è sempre un modo per avere le proprie mani protette e con una possibilità di lettura. I guanti monouso ad esempio sono composti da una sottile membrana isolante. Usando delle colorazioni chiare (preferibilmente il bianco) è comunque possibile far leggere l’impronta del dito. Questo è particolarmente vero se il cellulare in questione usa un sensore ottico per leggere l’impronta digitale.

Usate uno Smartphone che ha lo sblocco di impronte ultrasonico

Ed ovviamente i sensori di impronte digitali non sono tutti uguali. In certi casi, alcuni Smartphone montano un sensore ultrasonico. E’ possibile specialmente trovare questi componenti negli ultimi modelli di Samsung Galaxy, a partire dal modello S10 e Note 10. Questo sblocco permette di leggere l’impronta anche se state indossando un guanto!

Usate i gesti invece che una Password o un PIN

Infine, non manca comunque di usare uno sblocco più semplice. Invece di usare una password testuale o un PIN, si può sempre usare un semplice gesto per completare un percorso sullo schermo. Questo può essere reso anche piuttosto semplice se vi preoccupa di impiegare troppo tempo per sbloccare il cellulare. Ovviamente è meno sicuro, ma è sempre meglio di niente.

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *